Home dighe argini ture briglie
pontili sep. cuneo salino sfioratori palloni di spinta serbatoi carburante
dighe a vela piscine modulari convogliatori barriere miscellanea

JOLLYTECH sas

BRIGLIE GONFIABILI

fasi di esercizio di una briglia gonfiabile

Una soluzione al problema dell'eccessivo trasporto solido, soprattutto in condizioni  di piene di grande entità, è quella di introdurre in alveo un sistema di briglie in grado di contenerlo. Tradizionalmente, a questo scopo vengono costruiti sbarramenti in pietrame, legno, calcestruzzo, a sezione piena oppure con fessure più o meno grandi (briglie selettive) che trattengono i corpi solidi di dimensioni maggiori garantendo, teoricamente, in condizioni di normale deflusso, il naturale trasporto solido.

foto22.jpg (24298 bytes)
Il passaggio di fenomeni di piena provoca il progressivo "intasamento" del manufatto e la conseguente perdita di funzionalità dello stesso.

E' quindi necessario, ad un certo punto, l'intervento di manodopera e mezzi per liberare le briglie dall'interrimento: operazioni di manutenzione che hanno costi quasi paragonabili a quelli di installazione dei manufatti stessi.

foto33.jpg (24525 bytes)
Per ovviare a problemi come quello appena citato si inserisce, tra i sistemi sopra menzionati, quello delle briglie gonfiabili ovvero manufatti costituiti da:

1) una platea in c.a., integrata al fondo alveo

2) un tubolare ancorato alla platea, gonfiabile con acqua o aria, realizzato con tessuti armati ad alta resistenza.

3) un sistema di controllo del livello del fluido contenuto nel manufatto gonfiabile.

briglia333.jpg (21295 bytes)

interrimento dovuto ad eventi di piena

Le briglie gonfiabili possono essere installate anche in luoghi dove non è possibile usufruire dell'energia elettrica: l'impianto di gonfiamento e sgonfiamento si riduce in questo caso ai soli tubi di carico/scarico. Infatti, sfruttando il principio dei vasi comunicanti, si preleva acqua a monte e la si convoglia all'impianto. foto44.jpg (24282 bytes)

autopulizia

A differenza delle briglie tradizionali (classiche o selettive), successivamente al passaggio delle piene non è necessario intervenire con mezzi d'opera (ruspe, camion, operai, ecc.) per ripristinare la piena funzionalità del manufatto, ma è sufficiente il loro abbattimento (sgonfiamento) per attivare il naturale meccanismo di autopulizia che elimina gradualmente l'interrimento sfruttando la naturale capacità di trasporto solido del corso d'acqua.

I tempi di interrimento a monte e a valle della briglia possono quindi essere regolati semplicemente gonfiando o sgonfiando i manufatti a seconda delle necessità. Rispetto alle briglie tradizionali i costi di esercizio risultano sensibilmente ridotti.

L'impianto di regolazione del livello dell'acqua all'interno del tubolare è, come detto, costituito da due tubi (carico/scarico) che collegano la briglia ad un pozzo nel quale sono collocati i sensori di livello e una serie di valvole che regolano le fasi di carico e scarico dell'acqua contenuta nella briglia gommata. Se si dispone dell'enegia elettrica è possibile prevedere l'utilizzo di una pompa per l'immissione del fluido di riempimento.

RIEPILOGO DEI PRINCIPALI VANTAGGI DELLE BRIGLIE GONFIABILI

  • Autopulizia. Regolazione automatica (gonfiamento/sgonfiamento) dell'interrimento a monte e a valle della briglia senza necessità di costosi interventi manutentivi con  manodopera e mezzi meccanici.

  • Possono funzionare sfruttando il principio dei vasi comunicanti, quindi l'impianto di gonfiamento si può ridurre ai soli tubi di carico/scarico.

  • Si possono installare in luoghi dove non è possibile usufruire dell'energia elettrica.

  • Elevata flessibilità della struttura in gomma: infatti in caso di cedimenti strutturali (assestamenti) del basamento il tubolare si adatta a qualsiasi condizione.

  • Ridotto impatto ambientale.

  • Tempi e costi di posa inferiori a quelli delle equivalenti briglie tradizionali.

  • Non richiedono alcun tipo di manutenzione ad eccezione di quella dell'impianto di controllo.

briglia colorata a ridotto impatto ambientale

briglia in funzione

briglia abbattuta (sgonfia)

 

 

JOLLYTECH sas
Via privata Claudia, 4 - 20158 Milano (Italy) - Tel (0039)02.39311005 - Fax (0039)02.39310655
P. IVA 10285830153 - Iscr. Tribunale di Milano n. 313191-7845-41 - email: jt@jollytech.it
Torna alla Home